Panoramica

Lo spettro ultravioletto

Le radiazioni ultraviolette (UV) si trovano nella regione invisibile dello spettro elettromagnetico, tra 100 nm e 400 nm, e si dividono in tre bande (UVA, UVB e UVC) sulla base degli effetti biologici.1

Spettro ultravioletto

 

 

Tipi di raggi UV

Per comprendere i danni che i raggi ultravioletti possono provocare agli occhi, è utile collegare le diverse tipologie di raggi UV ai tipi di danni che queste possono causare ed esaminare gli effetti dei raggi UV a livello cellulare e oculare.

 

UVA

  • I raggi UVA sono responsabili dell'abbronzatura e dell'invecchiamento della pelle.
  • I raggi UVA hanno una lunghezza d'onda compresa tra 315 e 400 nm2.
  • Il 95% delle radiazioni solari che raggiungono l'equatore è di tipo UVA2.
  • È stato dimostrato che i raggi UVA aggravano i danni oculari causati dai raggi UVB3.

 

UVB

  • I raggi UVB danneggiano il DNA e provocano danni tissutali ed eritema solare.
  • I raggi UVB hanno una lunghezza d'onda compresa tra 280 e 315 nm2.
  • I raggi UVB rappresentano il 5% delle radiazioni solari che raggiungono l'equatore2.
  • I raggi UVB sono biologicamente molto più attivi dei raggi UVA4.

 

UVC

  • I raggi UVC sono i più pericolosi, ma vengono assorbiti in gran parte dall'atmosfera.
  • I raggi UVC hanno una lunghezza d'onda compresa tra 100 nm e 280 nm2.
  • I raggi UVC sono germicidi

 

Raggi UV: fonti, rischi e il ruolo protettivo delle lenti a contatto

 

 

Dobbiamo informare i  portatori o potenziali tali sull'importanza della protezione oculare?

Il professore James Wolffsohn esamina i dati più recenti e spiega perché è importante sensibilizzare le persone sui rischi dell'esposizione oculare ai raggi UV e sulle diverse soluzioni di protezione. Scarica l'articolo

 

 

Raggi UV e occhi

Karen Walsh esamina le patologie oculari indotte dalla radiazione ultravioletta, le difficoltà di fornire un'adeguata protezione oculare e il ruolo delle lenti a contatto morbide con filtro UV. Scarica l'articolo

 

1. Parrish JA, Anderson RR, Urbach F, et al., UV-A: Biological Effects of Ultraviolet Radiation with Emphasis on Human Responses to Longwave Ultraviolet, New York, NY: Plenum Press; 1978: cap 1.
2. “Ultraviolet (UV) Radiation, Broad Spectrum and UVA, UVB, and UVC”. Aggiornato: 25 maggio 2005. Ultimo accesso: 5 dicembre 2007.
3. Sheedy J, Edlich RF., “Ultraviolet eye radiation: the problem and solutions”, in J Long Term Eff Med Implants, 2004;14(1):67-71.
4. Fishman GA., “Ocular phototoxicity: guidelines for selecting sunglasses”, in Surv Ophthalmol, 1986:31:119–24.

 

 

Danno cellulare

In che modo le radiazioni UV danneggiano le cellule e i tessuti?

I danni provocati dai raggi UV

I raggi UV sono assorbiti facilmente dagli acidi nucleici, dalle proteine, dai lipidi e da altre molecole presenti all'interno delle cellule.1 La maggior parte di queste radiazioni si dissolve, ma la rimanente parte può alterare le molecole a livello strutturale. Le molecole danneggiate, a loro volta, possono reagire con altre molecole all'interno della cellula.2 Tra le conseguenze specifiche a livello cellulare documentate per l'esposizione ai raggi UV ci sono: mutazioni puntiformi del DNA3,4, denaturazione delle proteine e apoptosi.3,6,7
 
1. Molho-Pessach V, Lotem M., “Ultraviolet radiation and cutaneous carcinogenesis”, in Curr Probl Dermatol, 2007;35:14–27.
2. Taylor HR., “Ultraviolet radiation and the eye: an epidemiologic study”, in Tr Am Ophth Soc, 1989;87:802-53.
3. Rünger TM., “How different wavelengths of the ultraviolet spectrum contribute to skin carcinogenesis: the role of cellular damage responses”, in J Invest Dermatol, 2007;127(9):2236-44.
4. Allan J., “Ultraviolet radiation: how it affects life on earth”. Pubblicazione: 6 settembre 2001. Ultimo accesso: 5 dicembre 2007.
5. “Mutations: what they are, their causes and effects – an overview”. Aggiornato: 27 novembre 2007. Ultimo accesso: 6 dicembre 2007.
6. Berneburg M, Gattermann N, Stege H, Grewe M, Vogelsang K, Ruzika T, et al. J, “Chronically ultraviolet-exposed human skin shows a higher mutation frequency of mitochondrial DNA as compared to unexposed skin and the hematopoietic system”, in Photochem Photobiol, 1997;66(2):271-5.
7. “Apoptosis”. Pubblicazione: 30 novembre 2007. Ultimo accesso: 6 dicembre 2007.

 

Danno oculare 

Il danno provocato dai raggi UV è di tipo cumulativo e permanente, e può